Sergio Rossi PE 2017. Pantofole col tacco! Grazie.

Se Cenerentola fosse nata ai giorni nostri si sarebbe ribellata alla vista di una scomoda scarpetta di cristallo. Avrebbe preteso come minimo una Sergio Rossi!
Avrebbe preteso una scarpa che non conosce tempo e soprattutto che non risponda a regole obsolete. Adatta a tutti i luoghi e situazioni. Una scarpa che fosse un’iniezione di coraggio, audacia e leggerezza.
Quella leggerezza sinonimo si tradizione che sa come trattare il design senza forzature.
Avrebbe preteso una scarpa che fosse sinonimo di comodità ed eleganza e rifiutato una volta per tutte quel detto: “ chi bella vuole apparire un po’ deve soffrire”.  
Soffrite voi. Per noi pantofole col tacco! Grazie.


Presentata nella cornice del Teatro Filodrammatici, durante la fashion week milanese, la collezione è stata ideata come uno spettacolo volto alla rinascita. Le finiture sono in oro o argento. Le tomaie passano dal minimalismo al massimo decoro come un crescendo musicale che si arricchisce di infiniti dettagli (baguette, vetri colorati, effetti specchiati, citazioni etniche e jungle). I tacchi sono impressi con una micro scritta neutra “SR1”, essenza e simbolo di un guardaroba ideale pensato per costruirsi nel tempo, pezzo dopo pezzo. Ritorna il tacco da 6 centimetri, sottile di profilo e possente dal retro, per alzare sabot e sandali senza staccarsi dal principio di realtà del nuovo corso.










Pages