L’intervista a Daiana: Dalla cucina di casa a quella di MasterChef!

#MASTERCHEF 2
Si è classificata sesta fra i diciotto concorrenti in gara. Ha rischiato spesso di essere eliminata ma ha sempre combattuto, all’interno di MasterChef (seconda edizione) come nella vita. E sempre a testa alta, superando numerosi “Pressure Test”. Sto parlando di Daiana Cecconi: la casalinga 54enne dal marcato accento toscano, dalla simpatia prorompente (complice quella risata decisamente contagiosa) che ha conquistato molti, me compreso. Ma con l'eliminazione dal talent di cucina più famoso d’Italia, non s’arresta la sua corsa verso la realizzazione d’un sogno, quello di poter pubblicare molto presto un proprio libro di ricette.

Qual è il primo ricordo riguardante il piacere per il cibo, per la cucina?
I primi ricordi che ho risalgono a quando la mia nonna d'estate preparava la salsa di pomodoro e le marmellate. Sul finire dell'estate, nel mese di settembre sul finire della bella stagione.
Quella pentolone che bolliva e ribolliva. Per me era un rito.
Poi sai, sono sempre stata una buongustaia! Sin da piccina, quando le mie nonne e le mie zie cucinavano qualcosa ero sempre allerta e pronta ad assaggiare ma anche ad apprendere.

Quand’è che invece ha inizio il suo percorso "dietro ai fornelli”?
Ogni domenica dopo la messa la mia nonna comprava un settimanale, e puntualmente io ero catturata da quell'inserto di cucina così pieno di ricette. Posso dire di aver incominciato a cucinare prendendo gli spunti da lì.
Avendo avuto due genitori sempre fuori casa per lavoro, le mie nonne m'hanno cresciuta ed educata, oltre ad avermi trasmesso la passione per la cucina.
Sono state loro i miei primi "giudici" e quando la sera per cena gli facevo assaggiare ciò che avevo cucinato, gradivano il più delle volte.

E dei giudici di MasterChef, invece, cosa mi dice? Ho letto del suo amore immenso per Chef Barbieri…
Eh si! Con Chef Barbieri, per me, è stato amore a prima vista. Forse perché è più vicino al mio gusto, al mio modo di vedere e vivere la cucina. Aver cucinato un suo piatto assieme a lui, pur essendo uscita dalla gara dopo quell’esperienza, è stato uno dei momenti più belli ed intensi della mia vita.
E poi vogliamo parlare del suo stile? Avete notato che scarpe meravigliose sfoggia puntata dopo puntata? 
Chef Cracco, non posso negarlo, mi metteva in soggezione ogni volta. Sarà il suo sguardo severo. 
Joe Bastianich invece, pur essendo Americano e dunque culturalmente lontano anni luce da me, sono riuscita a conquistarlo con un piatto tradizionale della cucina toscana. Da allora è sempre stato dalla mia parte. Come potrei non riconoscerglielo?  

Uno dei suoi sogni è quello di poter pubblicare un libro di cucina. Ha già ricevuto delle proposte?
Si, ho già ricevuto delle proposte da parte di alcune case editrici pronte a pubblicare questo mio "sogno nel cassetto". Spero di vero cuore si possa concretizzare. Poter pubblicare le mie ricette in un libro, solo a pensarci m’emoziono. Pur comprendendo l’importanza che ha internet al giorno d’oggi, credo comunque che la magia di un libro non possa essere mai e poi mai sostituita!

E condurre una rubrica di cucina in tv? Le piacerebbe?
Mi piacerebbe molto. Magari ci fosse l'opportunità di una bella rubrica per le mie ricette, l’ideale sarebbe in un programma per bambini. Con loro do tutta me stessa! Infatti come amo cucinare con la mia nipotina, con nessuno.
E poi mi consentirebbe di mantenere un legame tra me e le persone che dopo quest'avventura hanno incominciato a seguirmi con grande affetto. 
Dopo i tanti messaggi d'incoraggiamento e apprezzamento che ho ricevuto su facebook mi sono dovuta ricredere!
Sai, non avendo mai avuto delle esperienze televisive, all'inizio ero terrorizzata che la gente potesse non accettarmi, non comprendere fino in fondo la mia personalità. 

Le critiche le ha ricevute - invece - da parte di alcuni dei suoi colleghi, aspiranti chef. Ha sentito, ad esempio, cos'ha dichiarato la giovane Marika dopo la sua eliminazione? “Non a livello degli altri”.
L’ho trovata una persona molto incoerente sin dall'inizio.
Ma sai in fondo è ancora molto giovane e per questo la giustifico.
Anche perché in fondo non saprei cosa dirgli, il pubblico da casa si sarà fatto un'opinione a riguardo. Ragion per cui...

Ma ci sarà qualcosa di quest’esperienza a MasterChef che proprio non ha digerito?
Ho sempre cercato d'essere molto equilibrata e di vivermi tutto con una certa ironia, senza far troppe polemiche.
E' stata dura mantenere questo livello di pacatezza se si ha ben presenti i ritmi della trasmissione. A me interessava non sciuparli quei momenti, vivermeli con serenità. Certo, c’è da considerare che vivere con 18 persone - tutti dalla forte personalità - insieme e a stretto contatto per così tanto tempo... è pur lecito che qualche disguido o polemica esca fuori. 

Cosa secondo lei l'ha penalizzata?
Molto probabilmente l'età, pur sentendomi giovane d'animo, non posso negare che la fatica a tratti si faceva sentire. E la lontananza dai miei cari, quella è stata la più difficile da superare. 
Anche perché, mi son fatta tutti i "pressure test”! E non so se mi spiego! 
Posso dire d'aver faticato il doppio ad arrivare fin dove sono arrivata!

Ma se l'aspettava tutto questo interesse da parte dei media nei confronti della sua famiglia "allargata"? 
Onestamente non pensavo di suscitare tutto questo interesse. Alcuni mi hanno addirittura "aggredita verbalmente" dicendomene di ogni. Stento a comprenderli.
Il rapporto che io e il mio compagno abbiamo con il mio ex marito è un rapporto di profonda stima e rispetto, di grande amicizia. Con lui c'ho vissuto 22 anni di vita matrimoniale dando alla luce ben 3 figli. 
Farà - dunque- sempre parte di me e della mia vita. 
Non vedo perché - finito l'amore di coppia - avrei dovuto scacciarlo via dalla mia quotidianità. Sarebbe stato un'inutile sofferenza per me e per i miei figli innanzitutto, che nella mia vita ho sempre messo al primo posto. Ho sempre voluto che in casa mia vigesse l'armonia e la serenità e ci sono riuscita! Forse sono solo un po' invidiosi!

Ho una curiosità, a proposito di famiglia: Lei è favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso?
E' giusto che anche a loro vengano riconosciuti dei diritti, anche perché da cittadini dei doveri ce li hanno già! Non ci trovo nulla di diverso o di anormale (che brutta parola!) né tanto meno sbagliato. 
Sarà che da ragazzina il mio migliore amico era gay che forse sono così aperta di vedute...
Non si può pensare poi di fare una classifica di quali siano gli amori più giusti o meno giusti. Di serie A o di serie B…Che ognuno si viva la propria vita nel rispetto degli altri e con assoluta libertà, alla luce del sole!

Tornando a MasterChef. A questo punto della gara chi le piacerebbe vincesse questa seconda edizione del programma?
Andrea ha un modo di maneggiare il cibo, quasi come lo accarezzasse, che vederlo all'opera dietro i fornelli è un vero piacere. Maurizio è un genio e come tale a volte è incompreso. 
Ma io Adoro Ivan! E' una persona molto sensibile e rispettosa, intelligente. Spero di cuore possa vincere lui.
Marika e Tiziana le mandiamo a casa! 

Conclude con una grande risata e alla fine tiene a sottolinearmi:
…Sa che cosa un pò mi dispiace? Che non ci sia stata, come spesso accade, per niente coalizione femminile. Un'unica volta che in una esterna ci siamo ritrovate tutte in squadra insieme, sembrava davvero di stare in un pollaio. E' vero quando si dice che tra gli uomini c'è più cameratismo. Ma pazienza è andata così!

Sorride sempre, Daina. Sprigiona gioia. Risponde ad una domanda e mi ringrazia, poi ad un’altra e poi ad un’altra ancora.... E' passata un'ora senza che ce ne accorgessimo. Dalla sua voce fuoriesce gratitudine ed orgoglio, gioia a quintali!
E in questo caso non c’è “insalata russa” o “cottura sbagliata” che tenga.
Per me lei ha ( comunque) già vinto. Come persona e nella vita… da un bel pezzo!
                                                                         La ricetta “gustosa e veloce” di Daiana  
MAIALE CON CONTORNO DI PATATE, MELE E SCALOGNO.
INGREDIENTI PER 2 PERSONE:

4 fette di filetto di maile alte 2 dita, 

5 scalogni, 

3 patate piccole 

1 mela golden, farina di riso, 
sale, pepe, olio qb.
vino bianco qb.
PROCEDIMENTO: Infarinare i medaglioni di filetto nella farina di riso.
Pulite le verdure, tagliate gli scalogni a spicchi e le patate e le mele a cubetti. 
In una padella con un filo d'olio fate saltare le patate con lo scalogno facendo attenzione che non brucino dunque salare, pepare e sfumare con vino bianco. 
A fine cottura aggiungete anche le mele lasciando finire di cuocere.
Nel frattempo adagiate le verdure su una teglia da forno protetta da uno strato di cartaforno. 
In un'altra padella con un filo di olio fate saltare velocemente il filetto di maiale sfumandolo anche questo con vino bianco. 
Passate le verdure sotto al grill del forno quindi servirtele accompagnate al filetto irrorato della salsina che verrà a formarsi dalla sfumatura con il vino bianco.
Buon Appetitto!

Pages