Amore a primo sesso

Resoconto di una serata dal piglio glamour all'insegna di Lovely Toys e canzoncine Porn Groove. Abbiamo festeggiato così l’uscita in Italia dell’ultimo film di Kevin Smith, "Amore a primo sesso" nelle sale italiane dal 1 giugno.

Vip e meno vip, attrici, attori e veline, letterine stagionate e qualche ex tronista snob sempre più ingellato, rasato e super allampadato. 
Lunedì 30 maggio si sono dati appuntamento al Circolo degli artisti, nello storico locale romano, per la presentazione del film "Amore a primo sesso" commedia statunitense nei cinema italiani da oggi.
C'ero anche io che tra un cocktail a l'altro ho avuto modo di fare quattro salti in pista sulle note Porn Groove di Immanuel Casto e chiacchierare allegramente con personaggi del jet set e addetti al settore.
Poche di queste sono riuscite ad entrare nelle mie grazie. 

Alessia Luongo Di Giacomo e Giovanna Rei
Una di queste è bionda, occhi azzurri magnetici con un fisico statuario. Una bellissima donna dai tratti nordici.
Di primo acchito non immagineresti di trovarti difronte a una napoletana.
Poi, già dalle prime battute la sua verve incontenibile t'imprigiona esplodendo in tutta la sua accattivante veracità partenopea.
Foderata in uno splendido lungo abito nero di Missoni esaltato da un paio di preziose décolleté di Roberto Festa, incontro Alessia Luongo di Giacomo che mi racconta emozionata della sua prima fatica letteraria. 
Conduttrice, giornalista e produttrice tv , attrice ed ora anche scrittrice.
Alessia Luongo Di Giacomo.
Un opera, la sua, che nonostante la forte crisi che ha investito il mondo dell'editoria è riuscita a farsi produrre con grandi soddisfazioni, riscuotendo ottime critiche di pubblico sin dai primi giorni.
Un parto doloroso e travagliato quindi. "Il mio bambino", come lei stessa ama definirlo:
"La voglia di farlo conoscere al pubblico è più forte di ogni altra cosa e quindi in questo momento sono impegnata a promuoverlo in giro."
Dialogo d'amore tra un buco e una ciambella (edito da Albatros) è una storia romantica quanto ironica e al tempo stesso originale.  
Raccontata con uno stile fresco e moderno, riuscirà a farvi sorridere ma al tempo stesso strappare una lacrima.
Giovanna Rei, nota attrice di cinema e fiction tv, in un abito plissettato color sabbia, giacca di pelle e  borsa chanel nera con rifiniture in oro mi si mostra in tutto il suo fascino.
Scopro che al momento è ritornata al suo primo amore, il teatro, realizzando il sogno di portare in scena le commedie dell'amato Edoardo De Filippo.
"E' curioso che tra i ricordi da bambina di Giovanna ci sono i nonni materni che parafrasavano Eduardo, mentre ogni anno a Natale era tradizione guardare tutti insieme "Natale in casa Cupiello", di cui Giovanna conosceva le battute a memoria…"

Continuo a bere, infischiandomene per una notte del mio fegato ballerino e mi allontano dai giardini solo quando la mia amica, eccitata e febbricitante mi annuncia la venuta di Immanuel Casto on stage. 
Io con l’attrice Giovanna Rei.
In un tripudio di folla il Casto Divo anima il pubblico con le sue rime sconce, sapientemente amalgamate ad arrangiamenti pop/dance dal piglio elettro. 
Con lui sul palco arriva anche Romina Falconi, giovane cantante romana che in duetto con il palestrato ed affascinante Divo canta Crash, singolo contenuto nell'ultimo album del cantante dal titolo Adult Music e distribuito per la prima volta da un major, la Universal.
Escort 25, uno delle sue hit più famose recita: "Perché lavorare in un call center quando potrei sparare pompino in Costa Smeralda?". 

E proprio di Escort si parla quando incontro Flavio Koea organizzatore del primo concorso di bellezza che strizza l'occhio al Bunga Bunga, MIss Escort.
Alla mia domanda diretta posta con altrettanta visibile perplessità "Perché?" mi risponde:
Immanuel Casto
"Non bisogna confondere una escort per una prostituta. Le differenze ci sono e sono sostanziali. L'accompagnatrice può decidere anche di non consumare alcun tipo di rapporto sessuale. Credo sia giusto possano svolgere il loro mestiere, che è quello di fare compagnia e infondere sicurezza al cliente, senza per questo dover essere criminalizzate, perché inoltre pagano le tasse."

Giro l'angolo e il corner di Lovely Toys attira l'attenzione di compratori e curiosi.
Eleganti vibratori, manette e paperelle vibranti.
Paperelle? Sì, proprio così!. 
La classica paperelle che da bambini galleggiava indisturbata nella nostra vasca da bagno si è trasformata in un oggetto segreto del desiderio di moltissime amanti del piacere "fai da te".
Daniele Droghetti, responsabile di Lovely Toys (www.lovelytoys.it) mi presenta l'alta gamma di prodotti spiegandomi l'elevata richiesta, che negli anni è cresciuta a dismisura e sta continuando , da parte di un pubblico femminile pronto a sdoganare il classico tabù dell'autoerotismo. 
" La paperelle è andata a ruba al Cosmoprof, salone dell'estetica di Bologna! Mi chiamavano Mister Paperetta". Daniele sorride, ed io con lui. 
Ripenso a quando anni addietro la mia migliore amica scandalizzava decine di sue coetanee ammettendo e professando l'autoerotismo.
Eravamo appena sedicenni e il piccolo paesello ancora non era pronto a questo tipo di "piaceri segreti". 
Tutto bisognava svolgersi nella penombra più squallida, purché la gente non vedesse per poi spettegolare. Figuriamoci ammettere apertamente ed orgogliosamente di masturbarsi. 
Chissà cosa avrebbero pensato le vecchiette sornione e pettegole, il panettiere di fiducia e le signore di chiesa nel vedere Immanuel Casto salutare i suoi fan con la poetica frase: "Turgido e bagnato, mi congedo".
Io, indubbiamente, che fosse un genio. 
Ospiti della serata: Milly D’Abbraccio, Barbara Tabita, Miriam Catania, Andrea Roncato, Andrea Montovoli, Sandra Milo, Valentina Pace, Nabhia Akkari, Denny Menedez, Fanny Cadeo, Elena Barolo, Giuseppe Schisano, Alessia Barela, Michela Andreozzi, Marta Zoffoli, Aurora Cossio, Emanuele Salce, Chiara Sani, Attilio Fontana, Francesco Apolloni, Gloria Bellicchi, Janet De Nardis, Salvio Simeoli, Andrea Agresti Le Iene, Alice Bellagamba.

Pages