Pagelle Nuziali (parte prima)

 Parole d'ordine: Eleganza, sobrietà e una massiccia dose di buon gusto classico. Standing ovation  per l'abito da sposa disegnato per Kate da Sara Burton, designer che dopo la prematura morte di Alexander Mc Queen ha preso in mano le redini della maison.
Corpetto e maniche in pizzo lavorato, strascico all'incirca di due/tre metri ma comunque sobrio e non eccessivo, sempre considerando l'importanza della cerimonia e della sposa in questione. Ad incorniciare il tutto un morigerato e classico velo bianco da vera principessa, sostenuto da un imponente diadema posto al di sopra dei lunghi capelli lasciati sciolti.
Pare abbia indossato la Tiara Scroll appartenente alla Regina Madre e non quella di perle di Lady Diana come nei giorni scorsi fu annunciato dagli attentissimi giornali scandalistici di mezzo mondo.
Mai vestito fu più azzeccato potremmo dire. E in effetti alla visione di contanta bellezza ed eleganza non posso far altro che inchinarmi con tanto di ossequi...Chapeau, Principessa Kate.
Voto: 10 e lode.
La sempre fashion Victoria Beckam si è invece affidata allo stilista Philip Tracey. Un abito blu che ben nasconde il suo sesto mese di gravidanza, la quarta, che regalerà alla coppia una femminuccia dopo i tre pargoletti di casa Beckam: Brooklyn Joseph, 12 anni, Romeo James 8, e Cruz David di 6 anni. Inmancabile il cappellino, d'obbligo nel Regno Unito, che tra i tanti apparsi in platea risulta essere senza ombra di dubbio tra i più eleganti e meno pacchiani. Anche questo firmato Philip Tracey. Le scarpe nere di pelle dal tacco vertiginoso con plateau nascoscosto di Louboutin le slanciano la figura e la forma. Bellissime se pur poco adatte ad una donna in gravidanza. Lasciatemi pensare che anche lei come le donne comuni, di nascosto sotto al tavolo del ricevimento, se le scalzi  per qualche minuto da far così riposare il misurato piedino di nascosto ad occhi indiscreti.
Di rara bellezza, quasi imbarazzante lui. Metrosessuale o no a seconda dei gusti, David Beckam è apparso in splendida forma in un tight color grigio di Ralph Loren. Fiore all’occhiello della giacca la decorazione dell’Order of the British Empire, che gli è stata attribuita nel 2003. Eppure c'è chi ha storto il naso notando che il calciatore abbia erroneamente "spillato" la decorazione a destra mentre andrebbe posta sul lato sinistro. Voto: 9 lui, 8 lei. 
Di giallo vestina con tanto ci cappello ton sur ton dalla forma cilindrica, la Regina madre. E trionfano quindi i bookmakers che accreditavano il color canarino a 2.75.
Perdono la scommessa, invece, per quanto riguarda il colore dell'abito di Kate che vedeva in testa alle quotazioni  l'avorio a 1.57 contro il  bianco a 2.50. Ritornando all'austera regina del Regno Unito, la misse sfoggiata per l'occasione sembra di stilista ignoto almeno per il momento. Le ricerche su internet non  mi hanno portato a risultati soddisfacenti, anche se credo si sia affidata al suo personale stilista di corte. Se qualcuno ne sa di più mi faccia sapere. In ogni caso le do un bel voto. Il colore è audace e comunque molto in voga in questa stagione. Splendida la collana a tre giri di perle bianche che le si intravedeva al collo, un pò meno quei fiori di stoffa sul cappello. Lunga vita alla Regina! Voto: 8-(per rispetto).
Chelsy Devy in
Alberta Ferretti.Voto:6
Figurano anche stilisti italiani tra la rosa dei nomi che hanno vestito i prestigiosissimi e selezionatissimi ospiti. Armani Privè per la Principessa Matilde del Belgio e la Principessa Tatiana di Grecia e Danimarca. Sempre Armani per Lady Frederick Windsor, un abito lungo monospalla di chiffon di seta color grigio scuro con bustino ricamato tono su tono. Ad Alberta Ferretti si è invece affidata la fidanzata del fratello dello sposo, Henry: Chelsy Devy al quale do la sufficienza.Voto:6
Elton John & David Furnis
Il più stravagante se non altro per l'accostamento dei colori sembra essere stato Sir Elton John che dispetto dell'impeccabile compagno David Furnis, vestito di tutto punto, ha preferito variare l'accostamento cromatico di colore aggiungendo quel pizzico di verve che da sempre lo caratterizza. Per il cantante, cravattino viola e gilet giallo chiaro. Strano non abbia sfoggiato uno di quei suoi paio d'occhiali eccentrici. Forse meglio non rischiare troppo, avrà pensato. Voto uguale per entrambi:6

Pages